Monthly report 02 - Cicli e Mercati€¦ · Corporate e High Yield Spread sugli HY in allargamento...

Click here to load reader

  • date post

    20-Dec-2020
  • Category

    Documents

  • view

    0
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of Monthly report 02 - Cicli e Mercati€¦ · Corporate e High Yield Spread sugli HY in allargamento...

  • Cicli e Mercati Research

    Monthly report – 02.2016

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    “Tutto, nella vita e sui mercati, si muove in cicli”“Chi non impara dalla storia è condannato a ripeterla”

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità02.2016

    Statistiche 2016

    Rivisitazione della Teoria delle Stanze rischio e volatilità al posto degli asset

    Portafogli Modello – Segnali e analisi

    Portafoglio obbligazionario

    Il primo trimestre in 14 punti - Aggiornamento

    L’Italia

    Titoli Auriferi

    Biotecnologia

    Tavole di rating

    1

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità02.2016

    2

    Statistiche 2016

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità02.2016

    3

    Statistiche 2016

    Statistiche – Analisi del mercato leader (USA) 1900-2016

    Casistiche esaminate: tutti gli anni in cui c’è stato un mese di gennaio negativo, con la perforazione dei minimi del bimestre novembre-

    dicembre

    Risultati

    16 casi su 115 anni 13.91%

    Di questi 16 anni, in 10 casi (62.5%) si è verificata una inversione (minimo ciclico) nello stesso anno: ma in nessun caso il minimo di

    gennaio è stato il minimo dell’anno e in un solo caso su tutti quelli esaminati (2003) il minimo dell’anno è stato registrato nel 1Q.

    Sono statistiche su cui riflettere.

    mese anno inversione mese num anni num inv

    nov 2008 gen 0

    mar 2003 x feb 2 0 1948 1920

    ott 1990 x mar 1 1 2003

    ago 1982 x apr 0

    mag 1970 x mag 1 1 1970

    lug 1969 x giu 4 2 1962 1940 1932 1913

    giu 1962 x lug 2 1 1969 1910

    ott 1957 x ago 1 1 1982

    feb 1948 set 0

    giu 1940 ott 2 2 1990 1957

    giu 1932 x nov 2 1 2008 1907

    feb 1920 dic 1 1 1917

    dic 1917 x min anno inversione

    giu 1913 x tot 16 10 1q 3 1 18.75% 10.00%

    lug 1910 % su 115 % su tot 2q 5 3 31.25% 30.00%

    nov 1907 x 13.91% 62.50% 3q 3 2 18.75% 20.00%

    4q 5 4 31.25% 40.00%

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    SNAPSHOT

    02.2016

    4

    SNAPSHOT

    Economie

    Barometro USA CRESCITA =Barometro EU RALLENTAMENTO q

    Barometro Globale CRESCITA =Mercati azionari – Trend e forza

    USA Trend negativo – Neutrale q

    Europa Trend negativo – Molto debole q

    Italia Trend negativo – Molto debole q

    Asia Trend negativo – Molto debole q

    EMG Trend negativo – Molto debole q

    BRIC Trend negativo – Molto debole q

    LatAm Trend negativo – Molto debole q

    Indicatori

    Rischiometro(0-100%) Rischiometri ritarati sui nuovi PM – Globale in calo q

    Volatilità (VIX e VSTOXX) Forti oscillazioni laterali r

    CRISIS indicator ON =G10 Carry Trade Index In calo q

    Forza relativa aree USA

    Forza relativa settori EUR Utilities, Food, Oil

    Rapporto Borse:Bonds

    US Equity/Bond ratio Ribasso pro bonds q

    EU Equity/Bond ratio Ribasso pro bonds q

    ITA Equity/Bond ratio Ribasso pro bonds q

    EMG Equity/Bond ratio Ribasso pro bonds q

    Reddito fisso

    Governativi USA In rialzo r

    Governativi EU In rialzo r

    Governativi ITA Fase laterale q

    Corporate e High Yield Spread sugli HY in allargamento q

    Bonds Emergenti In calo q

    Valute

    Euro/USD Breakout del trading range – Nuovo supporto 1.10, res. 1.15 1.1750-1.18 r

    USD/JPY Laterale – Supp. 115.9 – Res. 124-125 q

    Commodities

    Petrolio Brent Fase neutrale tra 27 e 37 q

    Oro Segnale rialzista – Nuovo supporto 1180, res. 1260 1300/1330 r

    Argento Segnale rialzista – Nuovo supporto 14.50, res. 16.15 17 r

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    Il controllo del rischio come prima fonte di reddito

    OGGI COME OGGI, IN QUESTI MERCATI, NON PERDERE SOLDI E’ LA PRIMA FONTE DI RICCHEZZA REALE

    Le cause – I mercati si trovano a pagare in questo inizio 2016 una serie di errori già discussi:SOVRAESPOSIZIONE AL RISCHIO (LEVA ecc.)ECCESSO DI CONFIDENZA NELLE BANCHE CENTRALIIGNORANZA DELLA STORIA DEI MERCATIECCESSI DI VALUTAZIONE/SPECULAZIONE CHE SI ERANO CREATI SU MOLTI ASSETASSENZA DI UN BENE RIFUGIO CON UN PROFILO RISCHIO/RENDIMENTO ACCETTABILE

    Nonostante l’estrema violenza del calo, specie sui mercati europei, la maggioranza degli operatoriprofessionali ha mantenuto un approccio necessariamente aggressivo sui mercati, quindi con un overweight(sovrappeso) di azioni e bonds ad alto rendimento, dettato dalla necessità di generare performance cheserva sia a coprire i costi, sia a giustificare il proprio stesso operato. Questo «ottimismo della ragione» equesta resistenza ad adattarsi alle nuove condizioni dei mercati rappresentano, a nostro avviso, un pesantefardello e un rischio aggiuntivo. Solo il verificarsi di condizioni di totale RISK-OFF reale nei portafogli e diallontanamento da ogni propensione al rischio e velleità di «prendere i minimi» sono presupposti concretiper un’inversione o almeno per una stabilizzazione.

    Cosa deve fare quindi l'investitore in una situazione del genere, dove i mercati tradizionali che finora hannocomposto la gran parte del suo portafoglio (impieghi a medio/breve su bonds governativi) sono ormaiimpraticabili e dove gli strumenti più volatili che sembravano l'unica destinazione possibile dei suoi soldi sonosulle montagne russe?

    Questo è esattamente ciò che il nostro servizio mira ad evitare: AGIRE IN STATO DI URGENZA EEMOZIONALITA’. L’emozionalità è collegata a un senso di URGENZA DI FARE QUALCOSA. Questo spessoporta a decisioni confusionali e ad inseguire inutilmente i mercati. Un approccio razionale e distaccato comequello dei nostri Portafogli Modello per l’investitore è fondamentale.

    Per questo mese suggeriamo ancora una grande prudenza, sia sulla componente azionaria, che non èpresente in alcun PM gestito dall’algoritmo ma solo del PM stagionale (SDT), sia sul compartoobbligazionario, per il quale proponiamo l’allocazione del Portafoglio Modello GLOBAL BOND. E’ rientrato neiPortafogli Modello che lo prevedono, dopo lungo tempo, l’Oro in EUR (ETF PHAU.MI) ulteriore segnale digrande pressione nel sistema finanziario

    02.2016

    Gli operatori professionali (gestori, money managers)investono aggressivamente per necessità a causa deitassi zero che non coprono costi e fees

    Evitare di farsi sopraffare dall’emozionalità

    Grande prudenza

    Oro rientrato nei PM

    5

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    PREMESSA

    Questa non è una situazione normale.

    Punti cardine1. Le borse sono in Bear Market, perché un Bear Market è una struttura di mercato e non una variazione percentuale. 2. Il Bear Market si può arrestare per la presenza di ipervenduto di un certo peso 3. Una reazione di 4-6 settimane avrebbe al momento come target naturali le aree a 8-13% di distanza dai minimi (1950-2000 S&P, 3000 ES50, 18000

    MIB, 9500-10000 DAX, 19600-20300 MIB). Se i mercati dovessero scendere ulteriormente e creare picchi di volatilità compatibili con un minimo importante (cosa che cercheremo di segnalare in tempo reale), la reazione sarà percentualmente più forte.

    4. Un movimento ribassista finisce quando gli investitori sono stremati o capitolano e quando nei portafogli il rischio è stato ridotto: ora non è così.5. Al momento, i nostri algoritmi sono completamente fuori del rischio azionario, strategia stagionale a parte, e non ci sono stati picchi di volatilità.6. La strategia che chiamiamo BLACK SWAN è SHORT e il nostro CRISIS INDICATOR (tratto da questa strategia) è su ON.7. Per i motivi appena espressi, se i mercati torneranno verso le resistenze e/o le chiusure del 2015, vedetela come un’opportunità di alleggerimento.8. L’Oro (valvola di depressurizzazione del sistema) ha appena generato un importante segnale dopo mesi e mesi di calo e lateralità 9. Il fatto che a un certo punto, specie dopo una legnata del genere, i mercati azionari smettano di scendere è del tutto ovvio ma non implica la nascita

    di un nuovo Bull Market, che può essere innescato solo da motivazioni molto forti e al momento assenti (recupero economico in accelerazione, utili in aumento, un «tema forte» come è stato alla fine degli anni ‘90 la tecnologia, nel 2003-2007 il calo dei tassi e la ripresa, nel 2009-2015 le politiche monetarie dei tassi zero) in assenza di un tema di questa portata, anche la fine della discesa sarà seguita al massimo da un’ampia fase di stabilizzazione. Il processo di ricostruzione non sarà veloce, a meno di partire da un livello di estrema compressione dei prezzi e delle valutazioni (che per ora non c’è).

    10. Il rispetto dei segnali è comunque nel nostro modo di lavorare la tassa assicurativa da pagare per stabilizzare la volatilità del proprio portafoglio.

    Problematiche1. Si cerca un colpevole che in realtà non è ancora stato individuato. Noi non riteniamo le questioni usualmente portate come giustificazione del calo

    (Cina, petrolio, rialzo dei tassi USA, ipotetici «speculatori ribassisti») come trigger sufficienti per un calo di questa portata.2. Nei decenni passati, non c’è mai stato un calo di questa entità che non fosse collegato a un rallentamento economico o a una recessione: se così non

    fosse, sarebbe in assoluto la prima volta quindi massima attenzione ai dati sulla fiducia dei consumatori3. Attenzione alle grandi banche europee e ai debiti sovrani di alcuni paesi forti esportatori di materie prime CDS in impennata rischio latente4. La tempistica e la velocità della discesa hanno di fatto cristallizzato molti portafogli sulle asset allocation particolarmente esposte al rischio che erano

    state assunte nel 2015.5. Ricordate che un rialzo è una fase dove i portafogli partono (minimo) con una allocazione molto prudente e finiscono (massimo) con una allocazione

    molto offensiva. Pertanto, fino a che i portafogli non si saranno svuotati dal rischio, non avranno margine per inserirne altro.6. Esiste negli USA un problema legato a un utilizzo smodato della leva finanziaria, che non è ancora rientrato.

    02.2016

    6

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    STRATEGIA

    Questo calo era per certi versi atteso, per certi altri versi prevedibile: tutte le nostre mappe cicliche avevano individuato nella fase tra la seconda metàdel 2015 e la prima metà del 2016 l’area oscura che avrebbe preceduto un minimo di grandissima importanza (vedi anche di seguito le mappe cicliche):ma entità e velocità sono comunque ragguardevoli.

    Alcuni nostri modelli (PM Multiasset) sono fuori dall’azionario da molti mesi. Altri modelli hanno generato un solo, brevissimo segnale in parte imputabileall’illiquidità di alcuni ETF a inizio Dicembre, per poi (correttamente) uscire a inizio Gennaio.

    Su alcuni mercati azionari (non però sul mercato leader) gli indici si stanno dirigendo verso letture tecniche che nel passato hanno sempre anticipatominimi importanti. Possiamo dire che in generale potremmo essere vicini agli obiettivi tecnici del calo su alcuni indici, ma che al momento mancaqualunque tipo di segnale di stabilizzazione. Da un lato è innegabile che questi livelli possono apparire estremamente interessanti (molti titoli sono statismembrati dal calo e su molti indici siamo ai minini degli ultimi 24-36 mesi) per impostare strategie di ampio respiro.Dall’altro lato, una serie piuttosto lunga di fattori, tra cui una totale opacità sulle vere cause del calo, induce ancora alla prudenza.Sono molto rari i cali che terminano con uno «spike» ribassista e poi ribaltano al rialzo l’andamento senza offrire possibilità di rientro.Sono molto più frequenti i movimenti ribassisti che si estrinsecano in due o tre ondate successive più o meno ampie (ora siamo all’ondata 1), spesso conminimi decrescenti o sullo stesso livello del primo. Sul breve termine, la stagionalità in situazioni simili a questa mostra una casistica molto frequente diminimi intermedi (seguiti da reazioni di alcune settimane) a cavallo tra la metà di Febbraio e la metà di Marzo.Noi tuttavia ci dichiareremo ACQUIRENTI CONTRARIAN (quindi accumulatori nella fase di discesa) solo in caso di livelli di ipervenduto e volatilità superioria quelli attuali. E’ normale che durante un calo ad ogni minima reazione si abbia l’impressione di perdere l’occasione della vita, ma nel 95% dei casi non ècosì: la pazienza in questi casi è un asset molto prezioso.

    Diamo molta importanza alle CURVE DI PROFITTABILITA’ che vedrete di seguito nel report e che aggiorneremo in continuazione: per ora tutto induceancora alla prudenza, ma la stessa natura ciclica dei mercati implica che dopo questa fase arriverà necessariamente una fase di ritorno della redditivitàper i nostri modelli e quindi, di conseguenza, per molte classi di asset.

    IMPORTANTE – Non focalizzatevi solo sui mercati azionari. Essi sono il centro dell’emotività ma non sono questi grandi apportatori di performance checredete. Guardate sull’ultimo report trimestrale le statistiche di lungo periodo dei vari asset. Già adesso ci sono classi di asset che in prospettiva sonomolto più efficienti in termini di rendimento (HY USA ad es.) e che ora della fine di questa situazione potrebbero esserlo ancora di più. Studiate bene iPortafogli Modello, non è un caso che li abbiamo rivisitati e non è un caso che abbiamo ristrutturato soprattutto i due PM obbligazionari. Soprattutto senon siete tutto il giorno davanti ai monitor, limitate i movimenti di trading e comunque tutelateli sempre con una protezione. Le fasi di Bear Market sonoanche fasi dove la liquidità ha spesso momenti di vuoto, quindi evitate accuratamente tutto ciò che non è molto liquido e specialmente singoli bonds otitoli minori. Molto meglio concentrarsi su classi di asset e su strumenti di alta liquidità e trasparenza.

    Cercate di dedicare attenzione a tutto il nostro lavoro (NTS, Tabelle, webcast, webinar): soprattutto in questa fase, è uno sforzo fondamentale.

    02.2016

    7

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    La «Teoria delle Stanze» - La versione originale

    02.2016

    Questa è la versione iniziale, stilata a inizio 2013,della Teoria delle Stanze.In questa teoria si ipotizzava l’universo finanziarioinvestibile come una casa con tre stanze: la liquidita’(la stanza piu’ grande), i bonds, i mercati azionari (lastanza piu’ piccola).Essendoci tra le varie stanze transito libero, aseconda della convenienza, in una situazionenormale gli investitori passano da una stanza all’altra.

    L’idea di fondo è che l’annullamento della redditivita’della liquidita’ provocasse per “convenienza forzosa”un transito prima verso i bonds, poi verso l’azionarioe che questa situazione di sovraffollamente sarebbedurata fino a che le stanze 2 e 3 non avessero ripresoad essere agibili ( tassi piu’ elevati) o in caso dicrisi.

    8

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    La «Teoria delle Stanze» - Rischio e volatilità al posto degli asset

    02.2016

    La realtà di questi ultimi mesi ci ha portato a unarevisione: non del meccanismo, che a nostro avviso èconfermato e corretto, ma della composizione dellestanze.

    In ogni stanza il concetto di classe di asset (Liquidità,Bonds, Azioni) è stato sostituito dal concetto di gradodi rischio/rendimento/volatilità. In questo modo lastanza della Liquidità diventa la stanza degli asset abassa volatilità, basso rendimento ma alto grado disicurezza e così via.

    Questo serve a spiegare cosa è successo: in realtà lapressione esercitata dai tassi zero sulla ricerca direndimento ha portato gli investitori prima a cercareuna via di fuga negli asset più liquidi, per poi virareper necessità sugli asset più volatili e meno liquidi.

    Quello che sta succedendo in questo inizio 2016 èquello che avevamo definito in alcuni webinar eseminari «sfondamento del pavimento» dell’ultimastanza. Il problema è a nostro avviso acuito e nonalleviato dai tassi zero, in quanto manca di fatto unaclasse di asset che serva come via di fuga e comeriparatore dei danni.

    Tutta questa situazione, come le stesse BancheCentrali hanno ammesso, è un Grande Esperimentodi politica monetaria, i cui esiti finali – come in ogniesperimento – sono misurabili solo a posteriori.

    Pertanto, consapevoli della situazione, l’unica cosache possiamo fare è navigare a vista, guidati daimodelli.

    9

    I mercati prima della crisi del 2008

    I mercati dal 2009 in poi (QE ecc.)I mercati dal 2012 a inizio 2016

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    La logica dei Portafogli Modello

    02.2016

    10

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    Portafogli Modello – Rendimenti 2007-2016 vs benchmark

    02.2016

    11

    0

    50

    100

    150

    200

    250

    300

    350

    2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016

    Rendimenti % Portafogli Modello dall'1.1.2007 - Base 100

    italia

    italia tr

    euro tr

    usd tr

    gl growth

    multiasset

    bond global

    bond aggr

    topo

    black swan

    GLOBAL

    Ind. FIDEURAM Flex

    Ind. FIDEURAM Obbl

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    Portafogli Modello - Analisi della redditività

    02.2016

    12

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    Portafogli Modello - Quadro riepilogativo al 12 FEBBRAIO

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità02.2016

    13

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    Portafoglio GLOBAL bilanciato basato sui Portafogli Modello

    Economia Segnali/Trend Rischi Analisi e Cicli Strategie Opportunità02.2016

    14

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    Portafogli Modello - Evoluzione dell’allocazione

    Economia Segnali/Trend Rischi Analisi e Cicli Strategie Opportunità02.2016

    15

    Evoluzione dell’allocazione del Portafoglio bilanciato.I PM hanno alzato la quota in USD via Oro mentresono ancora completamente fuori dagli altri assetvolatili. Un rientro non è previsto (a meno di eventistraordinari) nemmeno in Marzo.

    Il vantaggio di questa posizione è che da qui in avantinon ci potrà che essere una progressiva entrata suasset (borse, HY, EMGB) che comunque nel frattemposono scesi e anche parecchio.

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità02.2016

    16

    Rischiometro: analogia 2008-2015 (segnale abortito)

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    Portafoglio Global Bond

    02.2016

    Questo è il nostro nuovo Portafoglio Modello GLOBALBOND. E’ stato ritarato per potersi proteggere in casodi un rialzo dei tassi e contemporaneamente perpoter sfruttare le tendenze favorevoli di EMGB e HighYield.

    Nessuno trova attraenti i rendimenti dei bond, maper molti investitori, privati e istituzionali, non c’èaltra scelta. Pensiamo ai fondi pensione, che in mediahanno un gap del 10-20% tra le masse in gestione equello che dovranno pagare in pensioni nel giro di 10anni. I fondi pensione hanno solo tre soluzioni percolmare questo divario: scommettere sull’azionario,correndo grossi rischi, puntare sul credito, cercandodi ottenere un rendimento reale, oppure andare aleva. Nessuno di questi casi è esente da grossi rischi.

    Questo Portafoglio ha un rendimento storico ottimo(8.6% medio annuo, con una STD di 5% e uno SharpeIndex elevato, 1.42).

    Secondo il nostro RISCHIOMETRO, il rischio di questoPortafoglio ora è minimo: è vero anche che ilrendimento atteso in termini di flusso cedolare èbasso.

    17

    0

    20

    40

    60

    80

    100

    120

    02/15 03/15 04/15 05/15 06/15 07/15 08/15 09/15 10/15 11/15 12/15 01/16 02/16

    CASH

    GOVERNMENT BOND

    EM. MARKET BOND

    HIGH YIELD BOND

    EQUITY

    GOLD

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    AGGIORNAMENTO - Il 2016 – Il primo trimestre in 14 punti

    Riproponiamo i punti citati nel Quarterly Report di Gennaio: ricontrolliamoli insieme uno ad uno alla luce degli eventi

    1. I principali mercati azionari sono in un Bear Market ciclico iniziato nel 2015. Non ci sono eccezioni.2. I modelli economici non hanno tuttavia ancora fornito segnali recessivi: moltissimo dipenderà dalla tenuta della fiducia dei consumatori USA e

    Europei nei prossimi mesi.3. Un elemento di rischio viene dalla leva finanziaria negli USA, che è ancora elevatissima e ha una conformazione comportamentale molto simile a

    quella delle altre due inversioni del 2000-2001 e 2007-2008, le quali tuttavia vanno considerate per quello che sono state, cioè cigni neri statistici.4. Nonostante questo calo, al momento le borse non hanno ancora raggiunto i picchi di volatilità, ipervenduto e capitolazione che accompagnano in

    quasi tutte le occasioni minimi importanti.5. Anche i nostri nuovi studi, BLACK SWAN e Crisis Indicator segnalano rischio sui mercati azionari.6. La situazione interna del trend dei settori e dei titoli (breadth) è in deterioramento.7. Le curve di profittabilità dei nostri Portafogli Modello, che sono una eccellente proxy per capire se i mercati sono in grado di esprimere tendenze

    positive stabili quelle che cerchiamo nel nostro lavoro di asset allocation sono in calo da Aprile 2015: un possibile rigiro al rialzo delle stesse èindividuabile sulla scorta delle statistiche passate dal 2Q 2016 in poi.

    8. Tutti i nostri modelli ciclici (Ciclo sdoppiato USA, Financial Composite Cycle e Kuznets) puntano alla creazione nei prossimi trimestri di un minimoimportantissimo sui mercati azionari, che servirà da base per tutto il prossimo ciclo rialzista.

    9. La situazione ciclica trimestrale e mensile, che è quella con la quale abbiamo a che fare nel contingente, resta tuttavia per il momento ostile ed èpossibile una estensione ribassista del Composite Momentum mensile, sulla scia di altri casi esaminati nel passato (2001, 2008).

    10. Le valutazioni degli indici principali stanno rientrando dalle situazioni di eccesso più volte segnalate nel 2015 e si stanno riportando verso le mediestoriche di P/E il che non significa che siano sottovalutati e non significa che il ribasso non si possa spingere fino a livelli inferiori spesso questicali finiscono sotto al punto di equibrio.

    11. I bonds governativi hanno valutazioni e rendimenti che li rendono vulnerabili: tuttavia, beneficiano della stuazione e per ora non è ancora partito unmovimento di aumento dei tassi sulla parte lunga della curva (decennali), mentre le due classi obbligazionarie tipicamente più performanti ma anchepiù volatili (Bonds Emergenti e High Yield) non esprimono profittabilità, a causa delle tensioni valutarie e dell’allargamento degli spread di credito inmolti settori e paesi.

    12. L’Oro ha mostrato i primi segnali di inversione ed è rientrato su molti dei nostri Portafogli Modello. Ricordiamo che nelle situazioni di crisi l’Orosvolge un ruolo di valvola di depressurizzazione del sistema.

    13. Il Petrolio è su un target importantissimo (30-25) e in ipervenduto estremo: ma il Petrolio basso è un elemento destabilizzante, non positivo, quindiattenzione a un possibile violento reversal rialzista (che non va anticipato).

    14. Il USD è meno forte di quello che sembra: è al ribasso contro JPY e in fase laterale contro EUR. Solo sotto 1.05 confermerebbe il trend

    Le parole d’ordine in queste situazioni sono PRUDENZA e DISCIPLINA. Arriverà un momento in cui sarà non solo utile ma anche logico essere aggressivi:non ora. La prima fonte di guadagno è EVITARE DI PERDERE SOLDI.

    02.2016

    18

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    1. I mercati azionari sono in un Bear Market ciclico

    02.2016

    La tabella è quella tipica di un Bear Market.MOMENTUM negativo e TREND al ribasso.

    Ipervenduto forte, vicino su alcuni indici ai livellitipici della capitolazione.

    Indici in sequenze di massimi e minimi decrescenti. Intutti i casi esaminati nel passato, partenzefortemente negative dell’anno hanno portato leborse a chiusure trimestrali di segno meno (quindiinferiori alle chiusure del 31.12.2015) e in molti casianche a un secondo trimestre di segno meno.A volte, tuttavia, l’anno partito male ha innescato unreversal ed è finito in modo opposto a come avevacominciato (cioè sui massimi) es. sullo S&P: 1978,1982, 1983, 1991, 2003, 2009.Le chiavi di volta per distinguere un annocompletamente negativo (2001, 2002, 2008) da unanno pivot (di reversal) sono il ritorno in posizionerialzista dei modelli mensili di trend ( rientro inposizione dei Portafogli Modello) e il ritorno sopra lechiusure dell’anno precedente.

    Volatilità in aumento ma non ancora a livelli dipanico.

    19

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    2. I modelli economici non hanno ancora fornito segnali recessivi

    02.2016

    20

    Il MODELLO ECONOMICO elabora e sintetizzaattraverso un algoritmo la tendenza di fondo dei dueprincipali indicatori macroeconomici: FIDUCIA eOCCUPAZIONE.

    Lo proponiamo nei nostri report in quantol’importanza analitica del MODELLO risiede nella suacorrelazione con gli andamenti di fondo dei mercati,in particolare di quelli azionari.

    C’è quindi un legame strettissimo tra i dati economicie i movimenti delle borse, dei tassi e la definizionedelle strategie da intraprendere a qualunque livello,da money manager a investitore.

    In questo momento, i tre modelli (EU, USA eGLOBALE) si stanno muovendo in sincronia al rialzo,in una fase di LINEARIZZAZIONE CICLICA senzaprecedenti (vedi permanenza sopra 80 del’indicatoreRSI in alto) dovuta alle politiche delle BancheCentrali.

    WARNING – Si nota sull’RSI in alto unIPERCOMPERATO ESTREMO, simile a quello che si èverificato in occasione degli altri picchi ciclici. Unassorbimento di questo eccesso è collegabile solo aun RALLENTAMENTO GLOBALE.

    Il modello è particolarmente sensibile al dato sullaFIDUCIA DEI CONSUMATORI.

    Le aree in basso sul grafico rappresentano le fasi diESPANSIONE (blu), INVERSIONE DI TENDENZA (grigio)e CONTRAZIONE (rosso) del modello USA.

    1980 1990 2000 2010 V

    + + + + + +- - - -c c c c c c c c

    200

    300

    400

    500

    600

    700

    800

    900

    1000

    1100

    1200

    1300

    1400

    1500

    1600

    1700

    1800

    200

    300

    400

    500

    600

    700

    800

    900

    1000

    1100

    1200

    1300

    1400

    1500

    1600

    1700

    18001.US MODEL, 1.GLOBAL MODEL, 1.EURO MODEL

    0

    10

    20

    30

    40

    50

    60

    70

    80

    90

    100

    0

    10

    20

    30

    40

    50

    60

    70

    80

    90

    100Relative Strength Index (98.8304)

    MINIMODEL CICLO

    BLU = USAROSSO = EUROPANERO = GLOBALE

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    3. Un elemento di rischio viene dalla leva finanziaria negli USA

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità02.2016

    Il nuovo dato del Margin Debt NYSE (sinteticamente:il livello netto di indebitamento del mercatofinanziario USA) è in discesa rispetto al massimostorico e si va così ad unire ad una ormai lunga seriedi valutazioni record del mercato americano(capitalizzazione/PIL, Shiller P/E ecc.) che stannorientrando da eccessi storici.

    Nel 2015 la leva finanziaria USA componentespeculativa ha raggiunto picchi senza precedenti,grazie alla facilità di indebitamento di privati eaziende (buybacks).

    L’analisi della serie storica dei dati (che risale solo al1992) evidenzia una sequenza di correlazionedistributiva tra S&P e Margin Debt estremamentesimile a quelle dei due top precedenti, 2000 e 2007.

    Una chiusura mensile dello S&P inferiore a 1920confermerebbe la perforazione del punto 4.

    Il Margin Debt è al ribasso sui nostri modelli,segnalando una contrazione della componentespeculativa, cosa che è avvenuta in occasione di tuttii cali più importanti del passato.

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    21

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    4. Nessun picco di volatilità, ipervenduto e capitolazione

    02.2016

    Questo indicatore raggruppa VIX e VSTOXX.Le date segnano i picchi arrivati in occasione diminimi importanti.Attualmente la volatilità è in salita ma non è ancoraarrivata né in termini assoluti né di deviazionestandard a livelli di panic selling.

    Basterebbe tuttavia una settimana o due di calovolatile sia dello S&P che dei mercati europei perportarlo su livelli di eccesso significativi.

    22

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    4. Nessun picco di ipervenduto

    02.2016

    23

    Indice S&P, dati mensili

    L’indice ha creato una struttura discendente, la primadopo il minimo del 2009. La prima resistenza è 1950.Questa struttura verrebbe negata solo da unachiusura mensile sopra 2100 (linea blu).

    L’indicatore lento di momentum (Coppock Guide,sovrapposto al grafico) è in piena fase di discesa esolo adesso sta scendendo sotto allo zero.

    L’indicatore in alto è in calo ma ancora lontano daposizioni di ipervenduto o eccesso.

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    4. Nessuna capitolazione

    02.2016

    Abbiamo tutti sentito parlare di bolle speculative:molti di noi le hanno vissute o conoscono qualcunoche è stato trascinato in una di queste bolle. Anche seci sono molti insegnamenti da trarre dalle bolle delpassato, investitori e operatori ogni volta vengonoattratti in una nuova fase speculativa che terminainevitabilmente in una bolla, cioè in una fase dieccesso e di deviazione statistica dalla norma, cheperò viene riconosciuta come tale solo a posteriori.Una bolla è solo una fase (quella terminale rialzista)di una sequenza tipica dei mercati; quindi, se si vuoleevitare di essere colti di sorpresa, è fondamentalesapere quali sono le diverse fasi. Una comprensionedi come funzionano i mercati e una buonaconoscenza di analisi tecnica possono aiutare ariconoscere i cicli di mercato. Le quattro fasi ciclichesono prevalenti in tutti gli aspetti della vita. Si va dalbrevissimo termine, come il ciclo di vita di un insettoche vive solo pochi giorni, al il ciclo di vita di unpianeta, che impiega miliardi di anni a compiersi. Nonimporta a quale mercato si fa riferimento: tutti hannocaratteristiche simili e passano attraverso le stessefasi.Tutti i mercati sono ciclici. Salgono, arrivano al picco,scendono e poi arrivano al minimo. Quando un cicloè finito, inizia il successivo. Il problema è che lamaggior parte degli investitori e dei traders nonriescono a riconoscere che i mercati sono ciclicioppure non ha la pazienza di aspettare una posizioneciclica conveniente. Ma la comprensione dei cicli èessenziale se si vuole massimizzare il rendimentodegli investimenti o del trading.

    Ad Aprile 2015 eravamo in fase di EUFORIA. ANovembre 2015 in fase di COMPIACENZA. Almomento siamo presumibilmente nella fase diPAURA.

    24

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    5. Black Swan e Crisis Indicator

    02.2016

    Questo grafico rappresenta un portafoglio compostoda sole posizioni SHORT su due asset:1. MIB2. EUROSTOXX50

    Pochi segnali ribassisti sono veramente profittevolisul medio termine. Quando la curva di profitto BLACKSWAN sale, vuol dire che i mercati hanno qualcheproblema. Quando scende o sta ferma, vuol dire chenon ci sono problemi strutturali.

    Ci sono stati quattro grandi segnali dal 2000 ad oggi:1. Fine 20002. Seconda metà 20073. Metà 20114. 2015 segnale ancora in atto

    L’indicatore rosso in basso (CRISIS INDICATOR)segnala le fasi di crisi acuta. Come si vede, si eraattivato prima di tutti i grandi cali del passato (2001,2002, inizio 2003, 2008, 2011-12.

    Adesso è attivo.

    25

    80.00

    100.00

    120.00

    140.00

    160.00

    180.00

    200.002

    00

    0

    20

    01

    20

    02

    20

    03

    20

    04

    20

    05

    20

    06

    20

    07

    20

    08

    20

    09

    20

    10

    20

    11

    20

    12

    20

    13

    20

    14

    20

    15

    20

    16

    SHORT AVG PROFIT PM PROFIT BMK CRISIS INDICATOR

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    6. Curva di profittabilità in calo

    02.2016

    Le regressioni lineari delle curve di performance deinostri Portafogli Modello e dei benchmark sono delleeccellenti proxy per il concetto di PROFITTABILITA’:quando salgono, i mercati sono generosi e produconoritorni significativi; quando scendono, i mercaticoncedono molto meno e con molto più sforzo.

    Adesso le curve stanno scendendo dopo il picco diAprile 2015. E’ ipotizzabile un minimo nella partecentrale dell’anno e un rigiro al rialzo per la secondametà del 2016.

    26

    -10.0

    -5.0

    0.0

    5.0

    10.0

    15.0

    20.0

    25.02

    00

    8

    20

    09

    20

    10

    20

    11

    20

    12

    20

    13

    20

    14

    20

    15

    20

    16

    20

    17

    MKT

    MODEL

    AVG

    PROFITABILIY

    mov3mBMK

    mov3mPM

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    7. Debolezza interna: breadth in fase di collasso

    02.2016

    L’analisi interna del mercato (esame delle principaliblue chips delle economie avanzate) evidenzia untrend globale negativo, con un picco che si staavvicinando a quello dei più importanti minimi degliultimi decenni.

    27

    -3.0

    -2.5

    -2.0

    -1.5

    -1.0

    -0.5

    0.0

    0.5

    1.0

    1.5

    2.0

    2.5

    3.0

    1983

    1984

    1985

    1986

    1987

    1988

    1989

    1990

    1991

    1992

    1993

    1994

    1995

    1996

    1997

    1998

    1999

    2000

    2001

    2002

    2003

    2004

    2005

    2006

    2007

    2008

    2009

    2010

    2011

    2012

    2013

    2014

    2015

    2016

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    8. Il ciclo sdoppiato in atto da 70+ anni negli USA

    02.2016

    L’esame del ciclo economico americano, quindi delciclo economico dell’economia leader e del mercatoazionario leader, evidenzia una costantecomportamentale di fondamentale importanza, chepossiamo definire «Ciclo sdoppiato». Ogni ciclo (6-8anni da minimo a minimo) è diviso in 5 fasi:ACCELERAZIONE – CONTRAZIONE – ESPANSIONE –DISTRIBUZIONE - REPRICING

    ACCELERAZIONE - La prima fase del ciclo, quella chenel grafico è segnata come fase 1 ed inizia dallafreccia, è caratterizzata da uno sviluppo piùimportante e più legato proprio a una ripresaeconomica vivace.CONTRAZIONE - Segue quella che viene chiamatacontrazione di metà ciclo (Mid-cycle contraction), allaquale le banche centrali hanno sempre rispostoattraverso le politiche monetarie di stimolo(abbassamento dei tassi, Quantitative Easing, LTRO,Operazione Twist ecc.)ESPANSIONE - Successivamente alla contrazionearriva il secondo sottociclo, supportato dall’azione disupporto monetario espansivo delle Banche Centrali,quindi quello segnato nei nostri grafici con il 2, in cuiil massimo è stato invariabilmente superiore alprimo.DISTRIBUZIONE - Sul picco del secondo ciclo - quindidopo il punto 2, verso la fine del ciclo completo - sisviluppano comportamenti maniacali: negazionedella realtà - negazione degli eccessi e della naturaspeculativa delle valutazioni - negazione dei rischi -affermazione della perpetuazione dei fattori positivi -creazione di falsi mitiREPRICING - Il bear market di fine ciclo, che poi daorigine al bull market successivo. In quasi tutti i cicli, ilsecondo top è pari/superiore al primo e il declino chesegue il secondo top è significativo e visibile (anchenell’oscillatore) su un grafico trimestrale. Come ora.

    28

    Le fasi 5 di REPRICING (quelle trail punto 2 e il punto 0 sul grafico)sono quelle che Schumpeterchiamava le fasi di «distruzionecreativa» e rappresentano il cuoredell’evoluzione del modello diprogresso capitalistico.

    Il modello si sta quindi riportando verso unaGIUNTURA DI ACQUISTO DI LUNGO TERMINE cheprenderà corpo nei prossimi mesi. Per ora entrambigli indicatori trimestrali sono in fase DISCENDENTE.

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    8. Ciclo di Kuznets e Financial Composite CycleTM negli USA

    29

    02.2016

    Ogni ciclo di Kuznets (16-17 anni) ha 5 massimi e 5 minimi primari. In questo momento siamo tra il punto 9 (un top) e il punto 0,

    che in ogni ciclo di Kuznets si è distinto per importanza e successiva profittabilità. Ovviamente non esistono cicli perfettamente

    regolari: come ha ben spiegato Schumpeter, è l’interazione dei cicli su vari archi temporali che può aiutare a capire economie e

    mercati. Chi cerca il «ciclo perfetto», nel senso di ritmo ripetitivo, è destinato a delusioni.

    DISINFLAZIONE

    DEFLAZIONE

    REFLAZIONE

    INFLAZIONE

    DISINFLAZIONE

    DEFLAZIONE

    FCC = 2*KUZNETS

    REFLAZIONE

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    8. Ciclo di Kuznets e Financial Composite CycleTM negli USA

    30

    02.2016

    Siamo in una situazione ciclica che ha pochissimi precedenti storici e quindi è di enorme interesse. E’ anche interessante notare che a

    cavallo della fine di ogni FCC si sviluppano 3 giunture di acquisto di lungo periodo, che se sfruttate adeguatamente sono in grado di

    generare performances importantissime. Ricordiamo che ogni giuntura di acquisto di LT (quarterly) deve per forza essere segnalata

    con maggior tempestività da una giuntura di acquisto di MT (mensile).

    DISINFLAZIONE

    DEFLAZIONE

    REFLAZIONE

    INFLAZIONE

    DISINFLAZIONE

    DEFLAZIONE

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    31

    9. Mappa ciclica di Lungo Termine (ciclo trimestrale2.5-4.5 anni)

    02.2016

    U

    A D

    T UT

    EMKTS BONDS

    ARGENTO

    ORO

    EUROPA

    TASSI 6M EU

    BRIC

    USA

    T-NOTE

    EUROBONDS 7+Y

    TITOLI AURIFERI

    TASSI 6M US

    HIGH YIELD

    BTP

    BUND

    DOLLAR INDEX

    WORLD

    EMG MKTS

    ITALIA

    ASIA

    CORPORATE CONVERTIBILI

    SOFT COMM.

    PETROLIO

    RAME

    CRB INDEX

    EUR/USD

    USD/JPY

    Tutte le classi di asset sono sulla parte

    discendente della curva di Lungo

    Termine DEFLAZIONE DEI PREZZI

    DEGLI ASSET DELEVERAGING

    Questa è una situazione ciclica con

    pochissimi precedenti storici

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    9. Posizione ciclica legata alla leadership USA

    32

    AREA EURO

    EMG – BRIC

    NASDAQ – S&P

    4/2010 top

    3/2011 top

    ASIA

    4/2012 top

    5/2013 top

    5-8/2015

    top

    •Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    02.2016

    ITALIA

    3/2009

    bottom

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    33

    9. Momentum - Sinergia tra LT (trim) e MT (mese) MIB

    02.2016

    Le aree ombreggiate in rosso rappresentano i periodi in cui il CM di LT (trimestrale) ha un andamento negativo, mentre quelle in blu sono le fasi di

    andamento positivo. Si noti come, in prevalenza, le giunture di acquisto di MT più profittevoli (frecce blu) siano arrivate nelle fasi con il supporto del

    CM positivo, e viceversa per le giunture di MT di vendita (frecce rosse).

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    10. Valutazioni S&P e ES50 ancora sopra al fair value

    02.2016

    34

    Queste tabelle mettono a confronto la situazionedelle valutazioni dei due principali indici USA e EUROa inizio Agosto e ora.

    Come si vede, a inizio Agosto la sopravvalutazioneera evidente.

    Caso vuole che il fair value attuale proiettato in quelmomento per l’ES50 e il fair value a un anno per loS&P500 siano corrisposti con precisione ai minimidella prima ondata di vendite.

    Secondo i dati attuali, tuttavia, la contrazione degliutili di alcuni settori (specialmente Energia) hamantenuto i Price/Earnings (rapporto Prezzo/Utili) alivelli piuttosto elevati.

    Il fair value, o livello di neutralità rispetto alle mediestoriche, per lo S&P 500 si concentra nell’area 1739-1641, mentre per l’ES50 varia in un range ampio,centrato intorno a 2460.

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    11. Valutazioni bonds governativi europei ancora carissimi

    02.2016

    35

    Queste tabelle mettono a confronto la valutazionedei principali asset obbligazionari con i loro redditi diequilibrio (lungo termine), la duration e la volatilità.

    La colonna finale (Sharpe Ratio) esprime laconvenienza oggettiva di ogni asset.

    Va tenuto conto che uno Sharpe Ratio ottimaledovrebbe essere pari o superiore a 1 (rischio unacerta percentuale per ottenre la stessa percentuale direddito).

    Come emerge chiaramente, la convenienza è bassaed è addirittura negativa ( certezza di perderesoldi) per i bonds tedeschi fino a 5 anni.

    Gli asset «meno sconvenienti» al momento sonocorporate, HY e EMG Bonds in USD a cambio aperto(quindi con rischio di cambio che potrebbe annullareo aumentare la convenienza).

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    12. Oro: segnali di reazione confermati

    02.2016

    Nei report precedenti avevamo segnalato come l’Orofosse in fase di calo ma come alcuni indicatori internidel mercato mostrassero che qualcosa si stavamuovendo e che probabilmente il mercato staeccedendo in negativismo sul metallo giallo.

    La reazione in atto ha generato importanti segnalianche sul prezzo, con il momentum che supportaquesto segnale.

    Il taglio della media blu che passa intorno a 1180orienta verso le bande successive, poste a 1260 e1300-1320. L’area 1180 è ora forte supporto.

    In caso di aggravamento della crisi finanziaria in atto,l’Oro può arrivare fino a 1500 USD.

    36

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    13. Petrolio su un target tecnico (30-25)

    02.2016

    Il Petrolio è ai massimi di ipervenduto da sempre e siè riportato sotto ai livelli del 1990, 2001 e 2008,annullando due enormi salite (2004-2008 e 2009-2011).

    Tecnicamente esistono tutte le condizioni per parlaredi Panic Selling. Non ci sono ancora segnali diinversione.

    37

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    14. Dollaro: possibile reversal – EUR/USD

    02.2016

    EUR/USD – Anche qui, l’analisi dei mesi precedenti siè rivelata corretta. Esisteva un consenso troppounanime sul futuro rialzista del USD, che cozzavacontro evidenze tecniche. Il momentum lento(Coppock Guide, sovrapposto al grafico) si è girato alrialzo ed è in una posizione che ricorda quella del2001. Ultima resistenza in area 1.450-1.1550, contarget successivo a 1.19-1.21. Solo un ritonroimmediato sotto 1.10 potrebbe riportare il quadro inuna condizione di neutralità.

    38

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    Tabelle di Forza Relativa (BORSE, ASSET, BLUE CHIPS ITA)

    02.2016

    Commento generale - La nota dominante da Aprile inpoi è stata l'assenza di tendenze stabili di forzarelativa. Le uniche costanti - anch'esse intervallate datendenze contrarie - sono state la forza del mercatoazionario USA e la debolezza delle commodities.Riteniamo che questa situazione sia uno specchio deitempi, cioè dell'incertezza stessa dei mercati su dovein questo momento far confluire i flussi.

    Negli ultimi due mesi le curve di Forza Relativa sisono comunque spostate univocamente verso gliasset tipicamente difensivi.

    La Tabella relativa alle sei blue chips più trattate sulmercato italiano vede in testa ENEL e ENI, i due titoliche storicamente sovraperformano l’indice nelle fasidi incertezza e/o negatività.

    Ricordiamo che la logica di queste tabelle è diindividuare dove va effettivamente il denaro, perseguire costantemente il flusso reale.

    VEDI: http://www.cicliemercati.it/cem/tabella-della-forza-relativa-dei-mercati-azionari

    39

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    Rischiometro globale e equity

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    Il Rischiometro GLOBALE è la percentualecomplessiva degli asset volatili contenuti nei nostriPortafogli Modello, quindi la somma di azioni, bondsemergenti, HY, oro.

    Nel PM globale formato dai PM equiponderati, ilmassimo possibile in asset volatili è il 66.5%, chequindi – ove raggiunto – porterebbe il RischiometroGLOBALE a 100%.

    La percentuale è salita a causa dell’ingresso nei PMdell’Oro.

    Il Rischiometro EQUITY non è altro che la percentualecomplessiva degli asset azionari contenuti nei nostriPortafogli Modello (ad eccezione del PM SDT, che usauna strategia puramente stagionale).

    Nel PM globale formato dai PM equiponderati, ilmassimo possibile in equity è il 41.5%, che quindi –ove raggiunto – porterebbe il Rischiometro EQUITY a100%.

    La percentuale è scesa alla luce della nuovariponderazione effettuata a inizio mese sui vari PM.

    02.2016

    40

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    Il valore aggiunto dell’algoritmo di trend nei Portafogli Modello

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    Cerchiamo di spiegare con un esempio comefunziona il nostro modello direzionale, quello chevedete su base settimanale, mensile e trimestralenelle Tabelle Operative e nei nostri PortafogliModello.Lo scopo di questo modello è di OTTIMIZZARE LARELAZIONE TRA PERFORMANCE E RISCHIO. In questocaso, la performance è calcolata prendendo inconsiderazione solo i SEGNALI DI RIALZO (LONG).Quando il modello è in posizione NEUTRALE o SHORTla performance e pari a zero.

    La comparazione tra la performance del modello el’indice Eurostoxx50 dal 2000 ad oggi porta aconclusioni interessanti e soprattutto aiuta a capirequali sono i vantaggi e i limiti di un modellodirezionale come il nostro.

    Una strategia BUY&HOLD dal 2000 ad oggi avrebbetotalizzato il -45% (base 1.1.2000 = 100), mentre ilmodello ha totalizzato il +105%, incluse lecommissioni di negoziazione.

    Questo vantaggio viene accumulato durante leprincipali fasi negative dell’indice, quando il modelloesce dal mercato e quindi riparte, dal segnale rialzistasuccessivo, da una base mediamente più elevata.Durante le fasi rialziste prolungate, viceversa, ilmodello tende a sottoperformare il mercato inquanto esce alcune volte dalla posizione rialzista, perpoi rientrare a livelli più elevati.

    Questo tipo di comportamento, che è quello adottatodai nostri PORTAFOGLI MODELLO su tutti gli assetvolatili, va paragonato a una ASSICURAZIONE che sipaga in quanto a nessuno è dato sapere a priori qualesarà l’output di un segnale.

    02.2016

    41

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    -75.0

    -50.0

    -25.0

    0.0

    25.0

    50.0

    75.0

    100.0

    125.0

    20

    00

    20

    01

    20

    02

    20

    03

    20

    04

    20

    05

    20

    06

    20

    07

    20

    08

    20

    09

    20

    10

    20

    11

    20

    12

    20

    13

    20

    14

    20

    15

    20

    16

    20

    17

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità02.2016

    Italia – Lo scenario originale

    42

    Il grafico in alto è l’aggiornamento della previsione(pubblicata nel libro «MIB 50000» ad Aprile 2014),basata su una ripetizione meccanica di una sequenzaintegrata di cicli, mentre il grafico in basso è la realtàdi come si è comportato il mercato.

    Fermo restando il dato di fatto che i mercati nonsono prevedibili nel senso stretto del termine, èanche vero che sono ciclici e che quindi presentanoinvariabilmente, al di là delle aspettative che licircondano, opportunità in entrambe le direzioni.

    Se da un lato si sta confermando la proiezionesecondo cui a partire da metà 2015 e fino alla primaparte del 2016 il mercato avrebbe avuto unmovimento tendenzialmente discendente, è chiaroche il movimento attuale eccede quelle che potevanoessere le aspettative razionali basate sullacostruzione della Mappa.

    A questo punto, ci siamo interrogati su qualipotessero essere, a livello del nostro modello, levariabili la cui modifica potesse spiegare questomovimento.

    I risultati sono nella pagina seguente.

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità02.2016

    Italia – Scenario rivisto: «FLASH RECESSION» 2016?

    43

    L’unica combinazione che riesce a spiegare questomovimento così violento verso il basso nella primaparte del 2016 è un connubio tra rallentamentoeconomico (la linea rossa) e una interruzione omeglio una sospensione momentanea della secolaritàfavorevole iniziata nel 2012.Questo, sia detto, non vale solo per la borsa italianama più o meno per tutte quelle principali dei paesiavanzati.Come vedete, a variabili cicliche stabili (ciclo di medioe di lungo termine), abbiamo inserito nel modellouna fase di 12 mesi negativa sia per la secolarità cheper l’economia.

    Il risultato è la mappa che vedete.

    Pertanto, almeno secondo questo modello, l’unicoelemento che potrebbe motivare razionalmentequesto calo è una «flash recession», della qualeperaltro non vi è ancora traccia nei dati.

    Sarà interessante verificare quale sarà l’evoluzionefutura, sia dei mercati che dell’economia, perverificare la aderenza del modello alla realtà anche inuna fase di grande difficoltà di lettura come questa.

    N.B. – La mappa esprime il ritmo dell’andamentociclico e non i livelli assoluti di prezzo.

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    La Mappa di MIB 50000 – Scenario di medio termine

    02.2016

    44

    Anche la nostra Mappa è stata rivista di conseguenza, con l’inserimento di due ulteriori livelli di scostamento dalla proiezione principale a -30% e -40%.Lo scopo è individuare livelli di supporto/intervento nel casi di ulteriori discese.Come si vede, in questo momento l’indice ha pesantemente sforato il trend rialzista che aveva mantenuto fino a fine 2015 e si colloca tra il -20% (17109)e il -30% (14970), che quindi funzionano come primi livelli significativi di resistenza/supporto.La strada per MIB 50000, che era previsto tra il 2020 e il 2023, non è compromessa ma certamente sarà fondamentale che il 2016, con questo calo, siriveli «anno pivot» da cui far ripartire il percorso.

    Ancora una volta, sottolineiamo come i mercati NON SIANO PREVEDIBILI in senso stretto e come qualunque scenario debba essere verificato e riadattatoalla realtà dei prezzi, che è l’unica che conta.

    I livelli in rosso rappresentano le aree strategiche di supporto del 2016, quelle in azzurro le resistenze rispetto agli attuali livelli di prezzo. Ricordiamo che la volatilità media del mercato azionario italiano, tra massimo e minimo dell’anno, è del 45% sui 10 e 20 anni: gli ultimi 4 anni sono stati un’eccezione sotto la media. I prossimi anni vedranno volatilità in crescita.

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2015Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità02.2016

    L’Italia per un investitore globale (ETF ISHARES MSCI ITALY in USD)

    45

    Il grafico mensile a fianco mostra l’indice italiano percome appare a un investitore globale che ragioni inUSD e conferma l’analisi della slide precedente. Intermini di lungo periodo, la borsa italiana appare inuna fase embrionale di accumulazione.

    I massimi del 2007 (36) sono a una distanza abissale e(anche a causa della rivalutazione 2015 del USDsull’EUR) l’indice è vicino ai minimi del 2009 e del2012, da cui lo separano circa 10 punti percentuali.

    Come si vede anche dal grafico trimestrale qui sotto,entrambi gli indicatori di momentum sono ancora infase discendente, presumibilmente diretti verso unagiuntura di acquisto nel 2016.

    La pazienza nell’attendere i prossimi segnali rialzistisarà ampiamente remunerata.

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    Titoli auriferi: possibile inversione di lungo periodo

    02.2016

    I titoli auriferi mostrano segnali di una potenzialeinversione di lungo periodo, partita dagli stessi livellitoccati sui minimi del 2000.

    Da tempo gli indicatori erano in condizioni di eccessoe registravano formazioni rialziste in divergenza conl’andamento del prezzo.

    Supporto a 52 e prima resistenza in area 62-64, conresistenza successiva sui massimi 2015 (80).

    46

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    Biotech: correzione del Bull Market precedente

    02.2016

    E’ in atto sulle Biotech una correzione del Bull Marketche ha portato nel corso di 4 anni ad un rialzo di oltreil 400%

    Gli oscillatori riflettono una fase di normalizzazionedel precedente trend diventuto parabolico ed a lungotempo rimasto in condizioni di ipercomprato.

    La Coppock Guide (linea blu) è in forte flessione maancora positiva mentre il Composite Momentumsegna un’estensione ribassista.Letture così estreme degli indicatori più veloci inpassato hanno individuato interessanti reazionitecniche. E’ possibile su questi livelli una reazione,mentre per una inversione il quadro tecnico è ancorada verificare nei prossimi mesi.

    47

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2015Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità02.2016

    Tavole di rating automatico – Spiegazione e utilizzo

    48

    Le pagine seguenti contengono la foto dei mercati al momento della pubblicazione del report.Il rating è ottenuto dal mix tra posizione ciclica (trimestrale-mensile-settimanale) e forza relativa.Gli aggregati e i benchmark per la forza relativa sono gli stessi usati nelle Tabelle Operative.

    La scala va da 0 ( posizione ciclica negativa su tutti e tre gli archi temporali + bassa forza relativa vs benchmark) a7 ( posizione ciclica favorevole su tutti e tre gli archi temporali + elevata forza relativa vs benchmark).

    RATING < 3 SOTTOPESARE/EVITARERATING tra 3 e 5 NELLA MEDIA (preferire in questo range la forza relativa alla posizione ciclica)RATING > 5 SOVRAPPESARE – Candidati ottimali a nuove posizioni rialziste

    Lo scopo è quello di permettere a investitori/gestori di visualizzare a colpo d’occhio gli elementi (indici, settori,titoli ecc.) da sovrappesare/sottopesare rispetto a un benchmark o da selezionare per eventuali nuove posizioni.

    Per i livelli di cambiamento/conferma del trend mensile si rimanda alle Tabelle Operative pubblicate sul sito e perquelli settimanali alla NTS.

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    Tavole di rating automatico – Tavola riepilogativa

    02.2016

    49

    0 1 2 3 4 5 6 7

    .....EURO STOXX50.....FTSEMIB40

    .....S&P500....CAC 40

    ....DAX....DOW JONES IND....DOW JONES TR

    ....FTSE 100....MIDEX (Midcap ITA)

    ....NASDAQ 100....SMI

    ....STOXX 600...BOVESPA

    ...MOSCOW RTS...SENSEX (INDIA)

    ...SHANGHAI COMP...TOKYO NIKKEI 225

    ..PHLX GOLD&SILVER.AMU ESTOXX50 EUR

    .ISH S&P 500 HED.LYX DAX.LYX MIB

    .LYX MSCI ASIA ex JP.LYX MSCI EMG MKTS

    .LYX MSCI EUROPE.LYX MSCI LAT AM

    .LYX MSCI USA.LYX MSCI WORLD.LYX NASDAQ 100

    b.10y BTP futb.10Y BUND fut

    b.10Y US T-NOTE futbetf.ISH EURO CORP BOND

    betf.ISH HY CORP $betf.ISH USD TRBOND 1-3

    betf.LYX BTP 10Y MTSbetf.LYX EMG MKT LIQ SOV $

    betf.LYX EMTS 07-10Ybetf.LYX EMTS CORP BOND A

    betf.LYX EMTS GL BONDbetf.LYX IBOXX LIQ EUR HYbetf.LYX IBOXX US TREA10

    c..ARGENTO cashc..BRENT fut

    c..CRB INDEX cashc..ORO cash

    c..RAME cashc.ETFS BRENT OIL

    c.ETFS COPPERc.ETFS CRB INDEX

    c.ETFS PH GOLD

    Componenti TABELLA MERCATI - Rating di profittabilità (Posizione ciclica + forza)0-1-2 = SOTTO LA MEDIA (SOTTOPESARE/EVITARE ) 3-4-5 = NELLA MEDIA 6-7 = SOPRA LA MEDIA (SOVRAPPESARE)

    Posizione ciclica Forza

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    Indici Fideuram (Forza vs Az. Int. e Flessibili)

    02.2016

    50

    0 1 2 3 4 5 6 7

    AZION PACIFICO

    FONDI MONETARIO

    FONDI OBBLIGAZ

    LIQ AREA EURO

    OB.EURO GOV M-L

    OB.EURO GOV. BT

    OB.EUROCORPINVGR

    OB.INTERN.GOV

    OBBLIGAZ. MISTI

    OB.AREA DOLLARO

    AZ.PAESI EMERG

    AZION AMERICA

    AZION AREA EURO

    ML € HIGH YIELD

    OB. ALTRE SPEC.

    OB. FLESSIBILI

    OB.PAESIEMERG

    BILANCIATIOBBLIG

    AZ.INTERNAZ

    AZION EUROPA

    B.F. FONDI LUSS

    BILANCIATI

    FLESSIBILI

    FONDI BILANCIATI

    FONDI FLESSIBILI

    AZ.SETTORIALI

    AZION ITALIA

    FONDI AZIONARI

    GENERALE F ITAL

    Componenti INDICI FIDEURAM - Rating di profittabilità (Posizione ciclica + forza)0-1-2 = SOTTO LA MEDIA (UNDERWEIGHT ) 3-4-5 = NELLA MEDIA 6-7 = SOPRA LA MEDIA (OVERWEIGHT)

    Posizione ciclica Forza

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    Tavole di rating automatico – Indici azionari (Forza vs S&P500)

    02.2016

    51

    0 1 2 3 4 5 6 7

    ....MSCI EMERGING

    ...TSE 300 TORONTO

    .JAKARTA COMP

    .KOSPI200 (COREA)

    .PSE (FILIPPINE)

    .TAIWAN WEIGHTED

    .THAILAND SECT

    PHLX GOLD&SILVER

    ...SYDNEY ALL ORD

    ....MSCI BRIC

    ....MSCI USA

    ...DOW JONES

    ...HONG KONG HS

    .BUSE MERVAL(ARG)

    .MXSE IPC (MEXICO)

    ...FTSE 100

    ...SINGAPORE ST

    ..SHANGHAI COMP

    .....S&P 500

    ....MSCI PACIFIC

    ....MSCI WORLD

    ...AEX (OLANDA)

    ...CAC 40

    ...EUROSTOXX DIV 30

    ...IBEX 35 (SPAGNA)

    ...NASDAQ

    ...TOKYO NIKKEI 225

    ..BOVESPA (BRA)

    ..MOSCOW RTS

    .DFM DUBAI

    ....MSCI EUROPE

    ....MSCI WORLD EUR

    ...DAX

    ...EUROSTOXX50

    ...FTSEMIB40

    ...SMI

    ...STOXX EUROPE 600

    ..SENSEX (INDIA)

    Componenti INDICI (- Rating di profittabilità (Posizione ciclica + forza)0-1-2 = SOTTO LA MEDIA (UNDERWEIGHT ) 3-4-5 = NELLA MEDIA 6-7 = SOPRA LA MEDIA (OVERWEIGHT)

    Posizione ciclica Forza

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    Tavole di rating automatico – Bonds (Forza vs EMTS Global)

    02.2016

    52

    0 1 2 3 4 5 6 7

    ..US 10Y T-NOTE

    ..EUR 02Y SCHATZ

    ..EUR 05Y BOBL

    ..EUR 10Y BUND

    ..US 02Y T-NOTE

    ..US 05Y T-NOTE

    LYX EMTS 07-10Y

    LYX EMTS 10-15Y

    LYX EMTS 15+Y

    LYX IBOXX US TREA10

    EMG MKT DB LIQ EUR

    EMG MKT ISHARES GOV $

    EMG MKT LYX LIQ SOV $

    EMG ML € EMKT SOVER+

    ISH EURO AGGREG BOND

    ISH EURO CORP BOND

    ISH EURO GOVT BON

    ISH EURO INFL LINKED

    LYX EMTS 03-05Y

    LYX EMTS 05-07Y

    LYX EMTS GLOBAL BONDS

    LYX EMTS INF LINK

    LYX EU CORP BOND A

    ISH USD TRBOND 1-3

    ISH USD TRBOND 7-10

    LYX BTP 10Y MTS

    LYX EMTS 01-03Y

    ..IT BTP

    EMG MKT ISH CORP $

    EMG MKT ISH JPM EMBI $

    HY - AMU HY IBOXX EUR

    HY - ISH IBOXX EUR HY

    HY - LYX IBOXX LIQ EUR HY

    HY - ML € HIGH YIELD

    ..IT BOT

    ..IT CCT

    ..IT CTZ

    .Global CONV EUR

    HY - ISH HY CORP $

    LYX BTP 1-3 ITA

    Componenti BONDS - Rating di profittabilità (Posizione ciclica + forza)0-1-2 = SOTTO LA MEDIA 3-4-5 = NELLA MEDIA 6-7 = SOPRA LA MEDIA

    Posizione ciclica Forza

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    Tavole di rating automatico – Commodities (Forza vs CRB Index)

    02.2016

    53

    0 1 2 3 4 5 6 7

    c...COMEX-GOLD P

    c...COMEX-SILVER P

    c..ARGENTO

    c..ORO

    c.ETFS CORN

    c.ETFS SOYBEAN OIL

    c..PLATINO

    c..RAME

    c.ETFS GOLD

    c.ETFS PH GOLD

    c.ETFS PRECIOUS METALS

    c.ETFS SILVER

    c.ETFS ZINC

    c.ETFS AGRIC

    c.ETFS ALUMINIUM

    c.ETFS COPPER

    c.ETFS COTTON

    c.ETFS GRAINS

    c.ETFS INDMETALS

    c.ETFS LEAN HOGS

    c.ETFS NICKEL

    c.ETFS SOYBEANS

    c.ETFS SUGAR

    c.ETFS ALLCOMM

    c.ETFS COFFEE

    c.ETFS SOFTS

    c.ETFS WHEAT

    ..CRB CASH INDEX

    c...BRENT DTD

    c..BRENT OIL

    c.ETFS BRENT OIL

    c.ETFS CRB INDEX

    c.ETFS CRUDE OIL

    c.ETFS ENERGY

    c.ETFS PETROLEUM

    c.ETFS PH PALLADIUM

    c.ETFS WTI OIL

    c.ETFS NATURAL GAS

    Componenti COMMODITES - Rating di profittabilità (Posizione ciclica + forza)0-1-2 = SOTTO LA MEDIA 3-4-5 = NELLA MEDIA 6-7 = SOPRA LA MEDIA

    Posizione ciclica Forza

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    Tavole di rating automatico – Valute (Forza vs cash)

    02.2016

    54

    -7 -6 -5 -4 -3 -2 -1 0 1 2 3 4 5 6 7

    AUD/CHF

    AUD/JPY

    AUD/USD

    CAD/EUR

    CHF/EUR

    CHF/JPY

    EUR/BRL

    EUR/GBP

    EUR/HKD

    EUR/JPY

    EUR/NOK

    EUR/PLN

    EUR/SEK

    EUR/USD

    GBP/AUD

    GBP/CHF

    GBP/JPY

    JPY/CHF

    NZD/CHF

    NZD/JPY

    USD/CAD

    USD/EUR

    USD/JPY

    USD/NZD

    USD/TRY

    Componenti VALUTE - Rating di profittabilità (Posizione ciclica + forza)SOPRA LO 0 = POSIZIONI LONG SOTTO LO 0 = POSIZIONI SHORT

    Totale

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    Tavole di rating automatico – ETF Azionari (Forza vs MSCI World)

    02.2016

    55

    0 1 2 3 4 5 6 7

    ISH DJ ESX50

    ISH DJ SX50

    LYX DAX

    LYX FTSE MIB

    LYX MS EURO RealEstate

    LYX MSCI EUROPE

    LYX MSCI INDIA

    LYX NASDAQ 100

    ISH FTSE BRIC 50

    ISH FTSE100

    ISH MSCI JAP HED

    LYX MS USA RealEstate

    LYX MSCI EUR SMALL CAP

    LYX RUSSIA

    DB CHINA CSI 300

    ISH MSCI WORLD

    LYX CHINA ENTERPRISE

    LYX HONG KONG

    LYX MS ASIA ex JP RealEstate

    LYX MS WORLD RealEstate

    LYX MSCI USA

    ISH MSCI BRAZIL

    ISH MSCI EM MKTS

    ISH MSCI FAR EAST

    ISH MSCI NORTH AM

    ISH S&P 500 HED

    ISH SP500

    LYX DJ GL TITAN50

    LYX DJ INDEX

    LYX MSCI LAT AM

    ISH MSCI KOREA

    LYX EAST EUROPE

    LYX MSCI ASIA ex JP

    LYX MSCI EMG MKTS

    LYX MSCI KOREA

    LYX TURKEY

    MKT ACCESS AMEX GOLD FUND

    LYX FTSE MIB SHORT

    ETF Azionari - Rating di profittabilità (Posizione ciclica + forza)0-1-2 = SOTTO LA MEDIA 3-4-5 = NELLA MEDIA 6-7 = SOPRA LA MEDIA

    Posizione ciclica Forza

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    Tavole di rating automatico – ETF Settoriali (Forza vs MSCI Europe)

    02.2016

    56

    0 1 2 3 4 5 6 7

    .LYX DJSX600 Food

    .LYX DJSX600 Ind

    .LYX DJSX600 Tech

    .LYX DJSX600 PersHome

    .LYX DJSX600 Retail

    .LYX DJSX600 Oil

    .LYX DJSX600 Utilities

    .LYX DJSX600 Constr

    .LYX DJSX600 Health

    .LYX DJSX600 Telecom

    .LYX DJSX600 Chem

    .LYX DJSX600 BasRes

    .LYX DJSX600 Ins

    .LYX DJSX600 Auto

    .LYX DJSX600 Fin

    .LYX DJSX600 Banks

    ETF settoriali LYXOR DJS600 - Rating di profittabilità (Posizione ciclica + forza)0-1-2 = SOTTO LA MEDIA 3-4-5 = NELLA MEDIA 6-7 = SOPRA LA MEDIA

    Posizione ciclica Forza

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    Tavole di rating automatico – Italia MIB40 (Forza vs FTSEMIB)

    02.2016

    57

    0 1 2 3 4 5 6 7

    .BUZZI UNICEM

    .CAMPARI

    .TOD'S

    .ITALCEMENTI

    .PRYSMIAN

    .SNAM RETE GAS

    .TERNA

    .ATLANTIA

    .BCA MEDIOLANUM

    .CNH INDUSTRIAL

    .ENEL GREEN POWER

    .MONCLER

    .TENARIS

    .YOOX NET PORTER

    .A2A

    .AZIMUT

    .ENEL

    .ENI

    .FERRAGAMO

    .LUXOTTICA

    .MEDIASET

    .POSTE ITALIANE

    .STMICRO

    .TELECOM ITALIA

    ..FTSEMIB40

    .ANIMA HOLDING

    .BANCO POPOLARE

    .BCA MPS

    .BCA POP MILANO

    .BP EM ROM

    .EXOR

    .FIAT CHRYSLER

    .FINMECCANICA

    .GENERALI

    .INTESA SANPAOLO

    .MEDIOBANCA

    .SAIPEM

    .UBI BANCA

    .UNICREDITO

    .UNIPOL

    .UNIPOL-SAI

    Componenti FTSE MIB - Rating di profittabilità (Posizione ciclica + forza)0-1-2 = SOTTO LA MEDIA 3-4-5 = NELLA MEDIA 6-7 = SOPRA LA MEDIA

    Posizione ciclica Forza

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    Tavole di rating automatico – Italia Midcap (Forza vs MIDEX)

    02.2016

    58

    0 1 2 3 4 5 6 7

    DIASORINANSALDO

    DANIELI & CI.M.A.

    AMPLIFONHERAIREN

    BANCA IFISFINECOBANK

    MARRREPLY

    BREMBOCATTOLICA ASS

    CELL THERAPEUTICCEMENTIR

    CREDEMEI TOWERS

    ERGLA DORIAPIAGGIO

    SALINI IMPREGILOESPRINET

    INTERPUMP GROUPRECORDATI

    .MID CAP (MIDEX)ASTALDI

    AUTOGRILLBANCA GENERALI

    BB BIOTECHBCA CARIGEBENI STABILI

    BIESSEBP SONDRIO

    CIRCR VALTELLINESE

    DE'LONGHIGEOX

    IGDMAIRE TECNIMONT

    MONDO TVRCS MEDIAGROUP

    SAFILO GROUPSARAS

    SIAS

    Componenti EUROPA - Rating di profittabilità (Posizione ciclica + forza)0-1-2 = SOTTO LA MEDIA (UNDERWEIGHT ) 3-4-5 = NELLA MEDIA 6-7 = SOPRA LA MEDIA (OVERWEIGHT)

    Posizione ciclica Forza

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    Tavole di rating automatico – Italia Small cap (Forza vs MIDEX)

    02.2016

    59

    0 1 2 3 4 5 6 7

    ENGINEERING

    CERVED

    ASCOPIAVE

    BOLZONI

    RENO DE MEDICI

    DADA

    INWIT

    SERVIZI ITALIA

    EL.EN.

    PANARIAGROUP

    SAES G

    TXT E-SOLUTIONS

    AEFFE

    B&C SPEAKERS

    BRUN.CUCINELLI

    CEMBRE

    D'AMICO

    DATALOGIC

    ZIGNAGO VETRO

    BCA FINNAT

    PININFARINA

    .MID CAP (MIDEX)

    BCA PROFILO

    BE THINK SOLVE

    CAIRO COMM.

    CENTRALE LATTETO

    DEA CAPITAL

    DIGITAL BROS

    ELICA

    EUROTECH

    FALCK RENEWABLES

    FIDIA

    FIERA MILANO

    FINCANTIERI

    GRUPPO WASTE ITA

    ISAGRO

    LANDI RENZO

    MOLECULAR MED

    MUTUIONLINE

    OVS

    PRIMA INDUSTRIE

    SABAF

    SOGEFI

    TAMBURI

    TELECOM ITALIA R

    TERNIENERGIA

    TISCALI

    VITTORIA ASS

    Componenti EUROPA - Rating di profittabilità (Posizione ciclica + forza)0-1-2 = SOTTO LA MEDIA (UNDERWEIGHT ) 3-4-5 = NELLA MEDIA 6-7 = SOPRA LA MEDIA (OVERWEIGHT)

    Posizione ciclica Forza

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    Tavole di rating automatico – Blue Chips Europa (Forza vs ES50)

    02.2016

    60

    0 1 2 3 4 5 6 7

    CS - DANONE

    H - GLAXO SMITHKLINE

    IT - SAP AG STAMM

    CS - UNILEVER

    I - SCHNEIDER

    U - E.ON AG

    CS - ANHEUSER

    E - BP AMOCO PLC

    I - PHILIPS

    T - ORANGE

    U - GDF SUEZ

    U - RWE

    CD - INDITEX

    CD - LVMH

    CS - NESTLE

    E - TOTAL

    FA - MUNCHENER RUC

    FB - HSBC

    I - ABB

    I - SIEMENS

    T - VODAFONE AIRTOU

    U - IBERDROLA

    CD - VOLKSWAGEN

    H - ROCHE GS

    T - DEUTSCHE TELEKO

    U - ENEL

    E - ROYAL DUTCH

    FA - ALLIANZ

    FB - BCO BILBAO

    FB - BCO SANTANDER

    H - ASTRAZENECA

    M - ARCELOR MITTAL

    M - BILLITON

    M - RIO TINTO

    T - TELEFONICA

    .EURO STOXX50

    CD - BMW

    CD - DAIMLER

    CD - FIAT CHRYSLER

    E - ENI

    FA - AXA

    FA - GENERALI

    FA - ZURICH

    FB - BARCLAYS BANK

    FB - BNP

    FB - CS GROUP

    FB - DEUTSCHE BANK

    FB - ING GROEP

    FB - INTESA

    FB - SOCGEN

    FB - UBS

    FB - UNICREDITO

    H - BAYER

    H - NOVARTIS

    H - SANOFI

    I - BASF

    IT - NOKIA

    Componenti EUROPA - Rating di profittabilità (Posizione ciclica + forza)0-1-2 = SOTTO LA MEDIA (UNDERWEIGHT ) 3-4-5 = NELLA MEDIA 6-7 = SOPRA LA MEDIA (OVERWEIGHT)

    Posizione ciclica Forza

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    Tavole di rating automatico – Blue Chips Svizzera (Forza vs SMI)

    02.2016

    61

    0 1 2 3 4 5 6 7

    KUONI

    SCHINDLER PS

    SYNGENTA

    ARYZTA

    FISCHER

    GEBERIT N

    GIVAUDAN

    KUEHNE & NAGEL

    OERLIKON CORP

    RIETER N

    SGS HOLGING

    SULZER

    SWATCH

    AFG I

    ALLREAL HLD N

    BALOISE

    BARRY CALLEBAUT

    LOGITECH N

    PSP CH PRPTY

    SIKA I

    SWISS RE

    SWISSCOM

    ABB LTD N 10

    HELVETIA PAT N

    KUDELSKI SA-BR

    LINDT PS

    NESTLE

    STRAUMANN N

    TRANSOCEAN

    ACTELION

    BC VAUD

    FORBO

    GALENICA

    PARGESA I

    ROCHE GS

    SONOVA HOLD

    TEMENOS GRP AG

    VALIANT

    LONZA

    PANALPINA

    RICHEMONT

    SWISS LIFE HOLD

    ...SMI

    ADECCO

    BB BIOTECH

    CLARIANT

    CS GROUP

    GAM HOLDING

    HOLCIM

    JULIUS BAER GRP

    NOVARTIS

    UBS

    VONTOBEL HOLDING

    ZURICH FINANCIAL

    Componenti SVIZZERA - Rating di profittabilità (Posizione ciclica + forza)0-1-2 = SOTTO LA MEDIA (UNDERWEIGHT ) 3-4-5 = NELLA MEDIA 6-7 = SOPRA LA MEDIA (OVERWEIGHT)

    Posizione ciclica Forza

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem

  • Cicli e Mercati Research

    2016Market Risk Management – www.cicliemercati.it

    Economia Valore/rischio Forza e rating Analisi e Cicli Strategie Opportunità

    Tavole di rating automatico – Blue Chips USA (Forza vs S&P500)

    02.2016

    62

    0 1 2 3 4 5 6 7

    CS - COCA COLA

    CS - P&G

    E - CHEVRON

    E - EXXON MOBIL CP

    T - AT&T

    T - VERIZON COMMS

    CS - ALTRIA

    CS - WAL MART

    H - J&J

    I - BERKSHIRE HAT.

    I - GENERAL ELECTRIC

    IT - ORACLE

    CS - MCDONALDS

    E - SCHLUMBERGER

    H - MERCK & CO

    IT - ALPHABET

    IT - MICROSOFT

    CD - VISA

    CS - PEPSICO

    T - COMCAST

    CD - AMAZON

    CD - EBAY

    H - BIOGEN

    IT - FACEBOOK

    IT - YAHOO

    ..S&P 500

    CD - 21ST CENTURY FOX

    CD - HOME DEPOT

    CD - WALT DISNEY

    FB - BOA

    FB - CITIGROUP

    FB - GOLDMAN SACHS

    FB - JP MORGAN

    FB - MS DEAN WITTER

    FB - WELLS FARGO

    H - GILEAD

    I - BOEING

    I - CATERPILLAR

    IT - APPLE

    IT - IBM

    IT - INTEL

    IT - NASDAQ 100

    M - FREEPORT MCMORAN

    CD - MASTERCARD

    CD - NETFLIX

    CD - TESLA MOTORS

    FA - AIG

    FB - AMEX

    H - PFIZER

    H - WATSON PHARMA

    IT - BAIDU

    IT - CISCO SYSTEMS

    IT - LINKEDIN

    IT - PRICELINE.COM

    IT - QUALCOMM

    IT - TWITTER

    Componenti FTSE MIB - Rating di profittabilità (Posizione ciclica + forza)0-1-2 = SOTTO LA MEDIA 3-4-5 = NELLA MEDIA 6-7 = SOPRA LA MEDIA

    Posizione ciclica Forza

    http://www.cicliemercati.it/cemhttp://www.cicliemercati.it/cem